Campania Music

Rock,Concerti, Incontri,Locali, Happening a Napoli

Archivio per band emergente

The Playmore: esce il primo singolo ” Things “


A cura di Chiara Callegari

Quattro ragazzi con un’immensa voglia di farsi sentire, si presentano al pubblico con il loro primo singolo “Things” estratto dall’album “Pump Rock”, fatica nata nel 2012 dopo un lungo apprendistato. Spregiudicati ma volenterosi di riportare un po’d’ordine nella musica, il progetto The Playmore nasce da un’incontrollata esigenza di sedurre la folla. 

Il loro principale obiettivo? Suonare! Suonare il più possibile, senza tregua, per liberare tutto il loro potenziale creativo e riuscire a trasmettere a chi li ascolta, quella forte empatia che possiedono nei confronti della musica. Dopo un periodo in cui alternavano concerti a sessioni in studio, ora dedicheranno un po’ di tempo alla promozione di questo nuovo singolo con un lungo tour di interviste. Già ben avviati nel web, il loro nuovo pezzo infatti è già in rotazione nelle web radio e nelle network radio italiane, seguito anche dall’uscita del video. La loro musica abbraccia sonorità rockeggianti, reminescenze di gruppi che negli anni zero hanno sconvolto l’intero panorama musicale. “Things”, grazie ad un groove di basso accompagnato da una voce morbida ma allo stesso tempo decisa e da un riff di chitarra sfrontato, è un pezzo che trasuda voglia di ballare e trasmette le meglio vibrazioni; le sonorità rock sposano quelle dance per dare vita ad un pezzo orchestrato magistralmente. “Things” però è anche un brano che non lascia di certo nascosto il suo lato più profondo, infatti il testo porta al centro quell’egoismo che quotidianamente il mondo è costretto a respirare.

Nonostante questi quattro ragazzi napoletani abbiano personalità completamente diverse fra loro, riescono comunque ad instaurare una particolare sintonia, suggellata da un’energia e freschezza che abilmente sanno dosare in ciò che fanno. E poi, poco ci vuole a capire che a questi ragazzi il sole scorre nelle vene, e questa cos’è, se non una garanzia?! Stay Tuned

http://www.theplaymore.com/

https://www.facebook.com/theplaymore

https://twitter.com/theplaymore

Annunci

Il sound ipnotico dei Mothernoia


A cura di Roberto Ivaldi

Ascoltare musica non è una cosa per tutti. Significa entrare in una nuova dimensione, aprirsi una strada verso il nulla, per giungere alla completezza delle nostre sensazioni. Percorrere chilometri di pensieri e di ricordi, celebrare il silenzio tra un brano e l’altro mentre si attende di ripartire fino al prossimo stop. A volte si è obbligati a sentire in cuffia inutili motivetti che si fatica a definire musica, perché sono artificiali, senza anima. Non si sente lo spirito, il sudore del lavoro, la passione. E’ solo una gabbia che ci rende sterili, senza idee, senza personalità. Per fortuna, da qualche parte esiste un mondo diverso, che unisce chi fa musica, e chi ascolta. Vi porto a scoprire questo mondo, così vicino, così lontano.

I Mothernoia si formano nel 2010 nella provincia di Napoli, e nel 2011 iniziano a proporre la loro musica, che definiscono “post grunge melodico di stampo moderno con leggere venature dissonanti”. Il loro nome deriva dall’unione di tre parole: mother, modèrno e noia. Da Settembre 2011 ad Aprile 2012 si esibiscono mensilmente nel programma “RockIt” di Umberto Fiordispino su “Julie TV”. Ad Agosto 2012, dopo alcune variazioni di line up, entrano in studio per realizzare quello che sarà il loro primo EP, dal nome “Mothernoia”, presso Antipop con la coproduzione di Maddalena Bellini (Nameless Crime). La line up attuale è composta da Davide Fico (Voce, Chitarra), Angelo Cicatiello (Backing Vocals, Chitarra, Synth), e Giuseppe Moscato (Batteria).

Questo EP è composto da 5 brani, tutti legati da un filo di malinconia e aggressività. Un sound che nasce come graffiante e senza compromessi, ma che rivela una fortissima introspezione ed esalta le emozioni più intime, come in “Elide”, dove viene descritta una situazione tagliente e brutale, dove le chitarre implodono in una rabbia tecnica che sembra soffocare la fragilità del testo, in cui la chiave dell’acronimo “l.e.i.” va a fare da trait d’union con tutti gli altri brani, tra cui uno intitolato appunto “L.e.i.”, dove troviamo un sound più distaccato e di grande impatto emotivo, quasi come volere creare una cornice di forte interdipendenza fra i due brani, dove il testo racconta di una lotta tra una libertà negata ed una schiavitù che azzera i desideri, ma di cui non si può fare a meno. La parte strumentale è un aspro e a tratti dinamico grunge che ne enfatizza il testo. “Overdose da Jennifer” è un pezzo dal testo cinico, dove la voce del cantante assume un colore sadico e rude, con sfumature growl che si accompagnano ad un arrangiamento furioso e prepotente.

“Il non ritorno” sfrutta delle sezioni musicali più varie, con un valido virtuosismo della chitarra che offre una dinamica molto spinta al pezzo, nonostante la grande malinconia espressa nel testo, creando sensazioni confuse di un passato reso etereo da rassegnazione e amore. In “Senza Risposte” c’ è un messaggio di ribellione molto forte. E’ evidente la riflessione su chi si sente allo stesso tempo succube e assuefatto da questo mondo, su una vita fatta di desideri artificiali e di un’umanità sterile e senza significato. Una visione esterna e mistica, cantata con abilità da una voce che cerca disperatamente una via d’uscita. Anche l’arrangiamento si distingue tra brevi assoli di notevole valore tecnico e attimi di accompagnamento quasi impotente di fronte alla crudeltà di un testo, in cui è difficile non notare il triste scenario della nostra attualità. Tutti i testi sono molto coinvolgenti e possono risultare complessi ad un primo ascolto, ma sono ricchi di emotività ed esprimono un amore cupo, ma potentissimo.

Le atmosfere gelide e di grande energia della parte strumentale sono sicuramente pregevoli e oltre ad un effetto compositivo molto convincente, si notano alcuni spunti di abilità utili ad impreziosire questo lavoro. La vocalità del cantante è molto espressiva e tecnicamente preparata, belle le sfumature nei passaggi. La produzione è curata e impeccabile.

In conclusione, con questo EP i “Mothernoia” si rivelano un’affascinante progetto musicale, grazie ad un lavoro davvero valido e di grande capacità artistica che riesce, con il suo sound ipnotico,a catturare l’ascoltatore tra melodie malinconiche e sferzate di potenza grunge. Il tempo sembra fermarsi nel viaggio tra le 5 tracce del trio campano, per poi ripartire improvvisamente concentrando una serie di turbamenti e passioni davvero stimolanti. Al momento il gruppo sta lavorando su nuovo materiale, e viste le premesse, i “Mothernoia” si preparano a stupirci e ipnotizzarci ancora, ancora, e ancora.

http://www.facebook.com/pages/Mothernoia/169544506439329

http://www.youtube.com/user/Mothernoia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: