Campania Music

Rock,Concerti, Incontri,Locali, Happening a Napoli

“Exordium” – Ephesar: il metal partenopeo dalle due anime


band napoli ephesar

Siete amanti del progressive metal ma non disdegnate sonorità melodiche e una bella voce delicata e femminile? I partenopei Ephesar potrebbero fare al caso vostro.

By Esserrenne 

Nata nel 2005 la band ospita musicisti con una formazione accademica alle spalle che sa sia picchiare duro travolgendo le vostre orecchie sia produrre degli arrangiamenti ben articolati, quasi orchestrali, che richiamano vagamente lo stile Dream Theater. Il cantato è affidato al timbro acuto ed elegante di Aurora Rosa Savinelli, che raggiunge con facilità note alte e sa trattarle con garbo, senza urlarle o caricarle di troppa enfasi; ci pensano Fabrizio e Adriano Flocco e Fulvio Petti (rispettivamente chitarra, batteria e basso) a sottolineare i testi dando loro la massima potenza, mentre Federico Matrusciano (tastiera) amalgama le asprezze della parte strumentale con il candore del canto. Pluripremiati e selezionati per la colonna sonora della web series fantasy italiana “Legends“ grazie al brano “Custode delle Ombre”, gli Ephesar sono sicuramente adatti agli amanti del metal stile Nightwish ma anche non troppo lontani da un target giovane genericamente interessato al rock. Un gruppo strutturalmente simile come gli Evanescence, ad esempio, ha riscosso un successo che si potrebbe definire trasversale per almeno due motivi: la buona qualità della musica e le caratteristiche vocali della sua “frontwoman”, apparentemente così in contrasto con il sound globale ma in realtà complementare ad esso, fondamentale per renderlo unico. Tornando agli Ephesar, In “Exordium”, riproposizione in italiano del loro primo album “Keep it real”, le tracce più delicate sono “Sognando il Tempo”, la brevissima “Notte” (entrambe strumentali) e “Tutto Tace”, in cui dallo stile canoro sembra di tanto in tanto trasparire un background riconducibile alla tradizione melodica napoletana; i più potenti “Ordine illusorio”, “Passi, Mani, Calore” e “Respiro Pietra” mentre gli arrangiamenti di “Labirinto”, soprattutto per quanto riguarda la chitarra, richiamano molto i Dream Theater. “Custode delle Ombre” è sicuramente la punta di diamante, l’equilibrio perfetto tra parole e musica, con pause e brusche virate sonore. Interessante anche “Il Prezzo della Vendetta”, continuamente in bilico tra tastiera e chitarra classica da un lato e batteria, basso e chitarra elettrica dall’altro; segno che nella band convivono felicemente due anime che, se ben miscelate, sanno dar vita a pezzi camaleontici, mai monotoni, resi ancora più particolari dalla scelta non usuale per il genere metal di cantare in italiano: una scelta che finora ha ripagato gli Ephesar con esibizioni live e partecipazioni a diverse manifestazioni musicali (sempre su invito, ci tengono a precisare; trovate la lista nella loro bio ed è una lista piuttosto lunga). Invitateli nella vostra playlist, sapranno come restarci. Esserrenne 

campania band metal

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: